Piedi donna
Viso e corpo

Valgomed funziona? Opinioni, recensione e prezzo

L’alluce valgo è un problema fastidioso che interessa perlopiù le donne. Si stima infatti che il rapporto tra il gentil sesso e la popolazione maschile interessata da tale disturbo sia di circa 10:1. La fascia d’età più colpita è quella compresa tra i 40 ed i 60 anni, un periodo della propria vita in cui, nell’epoca attuale, si è ancora relativamente giovani.

Questo inestetismo causa imbarazzo e spesso porta a rinunciare ad indossare determinati modelli di scarpe, ad andare a mare con gli amici e quant’altro. Il disturbo però ha anche parecchie ripercussioni sul fronte della salute e del benessere dell’individuo e va quindi debitamente curato.

Alluce valgo sintomi

L’alluce valgo è una deformazione ossea che interessa il piede. In particolare la testa del primo metatarso non occupa più la sua sede naturale, ma si discosta dando vita a quella che nel linguaggio comune viene indicata con l’appellativo di “cipolla”. In sostanza l’alluce sporge in direzione delle altre dita mentre la sua attaccatura, per così dire, straborda dall’asse naturale del piede per dirigersi verso l’esterno.

L’insorgere del problema viene spesso segnalato dall’organismo con un rossore sospetto ed immotivato della zona interessata oltre che con un fastidio localizzato anch’esso apparentemente non dovuto ad alcuna causa evidente. Successivamente il piede inizia a gonfiarsi producendo dei seccanti sfregamenti sulle scarpe. Con il passare del tempo quindi i sintomi sin qui descritti diventano sempre più fastidiosi ed evidenti sin tanto che nel piede non si scatena una vera e propria infiammazione a cui puntualmente segue la deformazione della zona interessata. Da questo momento in poi diventa praticamente impossibile calzare delle scarpe chiuse senza soffrire.

Alluce valgo cause

Ma da cosa si origina il problema? A questa domanda esistono svariate risposte e non sempre gli esperti concordano nel ritenerle valide. In molti sostengono che l’alluce valgo derivi da una predisposizione genetica, altri sono convinti invece della connessione esistente tra l’aumento del peso ed il sorgere del problema, altri ancora individuano nella menopausa una causa scatenante ed infine qualcuno suppone che il disturbo possa derivare dall’uso di scarpe scomode, inadatte o eccessivamente strette.

Quali che siano le sue cause scatenanti l’alluce valgo, lo dicevamo già poco fa, non è soltanto un problema estetico. I pazienti infatti faticano parecchio a trovare scarpe adatte a loro, soprattutto in inverno. Inoltre l’alluce, finisce alla lunga per premere sulle altre dita causando ulteriori fastidi, dolori ed irritazioni. In più, dato il male intenso provocato tanto dall’alluce valgo in sé quanto dalla pressione che questo esercita sulla restante parte del piede, il paziente tende a cambiare la sua postura per soffrire di meno. Se però tale scelta istintiva gli porta sollievo e refrigerio da una parte, causa scompensi e problemi alla colonna vertebrale dall’altra sino ad influire  anche sul modo di camminare.

Alluce valgo rimedi

Al giorno d’oggi esistono due possibili strade da percorrere per curare l’alluce valgo: la meno invasiva contempla l’uso di tutori e plantari, la più drastica l’eventualità di sottoporsi ad un intervento chirurgico.

Tutore alluce valgo

Nel primo caso si tenterà di correggere lo slittamento osseo intervenendo su eventuali squilibri posturali oltre che riportando in sede il metatarso dell’alluce interessato. Tutori e plantari si adattano ovviamente ad un problema che ancora è agli albori o appena manifesto. Ecco uno dei sistemi correttivi per alluge valgo che si trovano su Amazon:

18,99€
disponibile
1 nuovo da 18,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 20 Settembre 2019 00:37

Intervento alluce valgo

Nel secondo caso, per fortuna in maniera un po’ meno invasiva e dolorosa rispetto a quanto non si facesse in passato, la sporgenza ossea verrà piallata con appositi strumenti chirurgici sino a ripristinare una situazione di normalità.

L’intervento, ormai tranquillamente prescrivibile anche a bambini ed anziani, si consiglia soltanto a pazienti ormai costretti a convivere con una patologia conclamata e non più correggibile mediante altre tecniche.

Valgomed per alluce valgo

Valgomed è un tutore per alluce valgo da poter utilizzare tanto con le scarpe aperte quanto con quelle invernali purché abbiano una pianta larga. Si tratta di una guaina tubolare realizzata in tessuto elastico che non stressa il piede. Non a caso è possibile far uso del prodotto anche durante la notte e per periodi di tempo abbastanza prolungati (addirittura mesi). Il supporto è stato concepito inoltre in modo da poter ingabbiare e proteggere la parte ossea che sporge mediante dei cuscinetti in silicone.

Una volta posizionato in sede, il tutore andrà premuto con forza sul dito. Si procederà quindi vestendosi normalmente e dedicandosi alla propria routine. Il silicone ipoallergenico con cui è stato realizzato il prodotto è pensato per rispettare gli equilibri della pelle, per evitare che si formino vesciche e che si scatenino rush cutanei.

Il linea di massima l’ortopedico consiglierà al paziente di indossare Valgomed per circa sei ore al giorno sino alla sua guarigione. I primi risultati saranno apprezzabili già dopo un mese di utilizzo costante. Le ossa infatti si riallineeranno gradualmente ed il dolore tipicamente associato a questa patologia scomparirà poco per volta.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi